Call Center Incentivi Statali

Numero verde per i Consumatori
(da rete fissa)
(da rete mobile)

Numero verde per i Rivenditori

Non risultano al momento numeri verdi attivi da parte del Ministero dello Sviluppo Economico per informazioni sugli incentivi statali al consumo.


Offerte con incentivi statali

Collegamenti a siti istituzionali per gli incentivi statali


Incentivi Statali Governo

Consiglio dei Ministri n.87 del 19/03/2010

Incentivi per l'industria (Il Sole 24 ore)

Incentivi per rottamazione auto (Quattroruote)

Incentivi - Ministero sviluppo economico

Manovra economica finanziaria 2011

Incentivi Cucine 2013 - Incentivi mobili, acquisti di arredi

Una importante novità introdotta dal Consiglio dei Ministri del Governo Letta: la propora della detrazione fiscale estesa fino alla fine del 2013 prevede incentivi statali per l'acquisto di cucine, mobili ed arredi. Il meccanismo dell'incentivo statale per mobili rientra nelle detrazioni IRPEF previste per le ristrutturazioni edilizie. L'agevolazione fiscale è prevista sull'acquisto di mobili fissi, rientrando in tale categoria sanitari, cucine ed armadi a muro.


Il Decreto - si legge nel Comunicato Stampa del Consiglio dei Ministri n°6 sotto il titolo "Eco-bonus, ristrutturazione edilizia e bonus mobili riporta che "le spese documentate sostenute a partire dal 1° luglio 2013 fino al 31 dicembre 2013 o fino al 30 giugno 2014 (per le ristrutturazioni importanti dell’intero edificio), spetterà la detrazione dell’imposta lorda per una quota pari al 65% degli importi rimasti a carico del contribuente, ripartita in 10 quote annuali di pari importo." [...]

Il Consiglio dei Ministri, ha inoltre introdotto oggi significative ed importanti novità rispetto alle precedenti proroghe. Tra queste: [...]

tale proroga è stata estesa anche all’acquisto di mobili finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione, per un massimo di 10 mila euro (in pratica si concede un bonus di 5.000 euro);

Il contributo per l'acquisto di mobili verrà quindi erogato sotto forma di detrazione IRPEF. Il 3 luglio 2013 inoltre il Senato ha approvato un emendamento che estende la possibilità di detrazione Irpef anche per impianti con pompe di calore (alimentate da caldaie o condizionatori), nonchè grandi elettrodomestici come frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie. Sempre nel contesto di una ristrutturazione edilizia.

Incentivi Cucine Elettrodomestici

E' previsto un bonus di poco superiore ai 1000 euro, per acquistare per la casa una cucina con incasso “verde” cioè con un impatto ambientale basso. Altri incentivi sono poi previsti per l'acquisto di nuovi elettrodomestici fra cui: forno, lavastoviglie e frigorifero. Gli incentivi sono di qualche decina di euro per ogni elettrodomestico acquistato, 80,00 Euro per un piano cottura fino a massimo 130,00 Euro per elettrodomestici come la lavastoviglie.

Quanto è l'importo dell'incenvito statale

Gli incentivi statali sugli acquisti di elettrodomestici hanno un importo che varia dal 10% al 20% dell'importo del bene.
Per ogni categoria sono state stabilite le percentuali, nonchè l'obbligo di rottamare un vecchio frigorifero, cucina, lavastoviglie per poter usufruire dell'incentivo statale.
E' sempre bene tenere a mente che lo stato esige idonea documentazione: perciò se rottamate un elettrodomestico, siate accorti nel richiedere una ricevuta che attesti l'avvenuta consegna del bene presso un centro di smaltimento rifiuti.

Elettrodomestici che si possono rottamare

Di seguito gli elettrodomestici e l'arredo da cucina che può essere rottamato:
- Arredo cucina: sconti del 10% fino a 1.000 euro per nuove cucine o mobili componibili completi di almeno 2 elettrodomestici ad incasso di classe A. Gli elettrodomestici della nuova cucina che non rientrano nelle classi energetiche ad alta efficienza non possono usufruire dello sconto. Attenzione, per accedere allo sconto accertati che i mobili-cucina rispettino le norme sull'emissione di aldeide formica e che siano predisposti alla raccolta differenziata.
Solo sostituzione con rottamazione non semplice nuovo acquisto;
- Elettrodomestici ad alta efficienza energetica di classe A: sconto del 20% per aquisto con corrispondente rottamazione di forno, piano cottura, lavastoviglia, cappa elettrica, scaldacqua a pompa di calore e stufa ad alta efficienza energetica:

  • + sino a un massimo di 80 euro per i forni elettrici di classe A
    e piani cottura con dispositivo di sorveglianza fiamma (FSD);
  • + sino a un massimo di 130 euro per le lavastoviglie di classe tripla A (A/A/A);
  • + sino a un massimo di 500 euro per le cappe elettriche, stufe e
    scaldacqua a pompa di calore.

COME OTTENERE L'INCENTIVO CUCINA, INCENTIVO FRIGORIFERO, INCENTIVO LAVASTOVIGLIE

L'incentivo per l'acquisto (o la rottamazione) del proprio elettrodomestico, sia esso cuci, frigorifero, forno, lavastoviglie, VA CHIESTO AL NEGOZIANTE RIVENDITORE.
Il rivenditore applica direttamente lo sconto dell'incentivo all'utente finale. Sarà poi lo stato a rimborsare al negoziante/venditore l’importo dello sconto da lui applicato al cliente.
E' bene sempre ricordarsi di preservare idonea documentazione sia dell'acquisto dell'elettrodomestico, sia la ricevuta di smaltimento dell'elettrodomestico da rottamare.

Consumo degli incentivi al 22 aprile 2010

Al 22 aprile 2010 risulta che circa 1/4 degli incentivi destinati all'arredamento (cucine, frigoriferi, condizionatori etc...) sia già stato utilizzato. Si prevede quindi che i fondi saranno terminati prima della fine dell'estate.

Rottamazione Frigoriferi, cucine...


Prodotto


Contributo


Requisiti

Cucine componibili corredate da almeno due 2 elettrodomestici ad alta efficienza energetica 10% del costo complessivo fino a un massimo di 1000 Euro Sostituzione di una vecchia cucina Requisiti di qualità per mobili e elettrodomestici (vedi scheda)
Lavastoviglie di classe AAA
20% del prezzo di acquisto con un massimo di 130 euro Sostituzione di una vecchia lavastoviglie
Forni elettrici di classe A
20% del prezzo di acquisto con un massimo di 80 euro Sostituzione di un vecchio forno elettrico
Piani cottura a gas dotati di valvola di sicurezza
20% del prezzo di acquisto con un massimo di 80 euro Sostituzione di un vecchio piano cottura a gas
Cucine a libera installazione con piano cottura a gas dotato di valvola di sicurezza e forni elettrici di classe A
20% del prezzo di acquisto con un massimo di 80 euro Sostituzione di una vecchia cucina a libera installazione
Cappe climatizzate 20% del prezzo di acquisto con un massimo di 500 euro Sostituzione di una cappa aspirante